31 Ottobre 2012: Pillole dai mercati

31 Ottobre 2012: Pillole dai mercati
Mercato europeo
Il calo di settimana scorsa dei prezzi dei bond greci è stato esacerbato dalle negoziazioni di questa settimana per ulteriori misure di austerity. Sembra che ci voglia una certa dose di fortuna affinché il Premier Antonis Samaras riesca ad approvare il nuovo ciclo di misure di austerity, con i membri della coalizione che si oppongono ai tagli e minacciano di far saltare l’accordo prima del pagamento della prossima tranche di aiuti prevista per il prossime mese. I ministri delle finanze UE dovranno incontrarsi oggi per discutere su come mantenere il paese nell’unione monetaria tramite un’ulteriore cancellazione del debito o l’assegnazione di più tempo per rispettare i target di riduzione del deficit. I principali indici azionari hanno chiuso tutti al rialzo, guidati dal +1.50% dell’Euro Stoxx 50. Il CAC 40 francese e l’IBEX spagnolo hanno guadagnato anch’essi terreno, rispettivamente dell’1.48% e dell’1.36%. L’EURUSD è scambiato inalterato a 1.2958, in seguito al sospiro di sollievo greco di ieri.
Mercato asiatico
Le borse asiatiche sono scambiate in territorio positivo in seguito alla pubblicazione di ieri del dato dal settore abitativo negli Stati Uniti che ha riportato un aumento del prezzo delle case su base annuale superiore alle previsioni. Con i mercati americani chiusi nella giornata di ieri alle contrattazioni, sia la banca centrale cinese che giapponese hanno alleggerito la situazione monetaria, con la Cina che ha condotto un’operazione di reverse repo pari a 395 miliardi di yuan per aggiungere liquidità. La BoJ ha aggiunto 11 trilioni di yen in ulteriori misure di alleggerimento, deludendo così i trader, con lo yen che si è apprezzato immediatamente dopo la comunicazione nei confronti delle sue controparti. L’operazione sul mercato liquido cinese è stata la più vasta operazione dall’inizio della registrazione dei dati nel 2004. Il Nikkei sta sovraperformando, in guadagno dell’1.60%, con l’ASX australiano che guadagna lo 0.78% e l’Hang Seng che guadagna lo 0.42%. L’USDJPY è rimasto invariato a 79.630, mentre la coppia NZDUSD e la coppia AUDUSD sono scambiate marginalmente al rialzo.
Mercato statunitense
Wall Street e il NYSE dovrebbero riaprire nella giornata odierna dopo la più lunga chiusura dal 1888 per le preoccupazioni legate all’uragano Sandy. Gli sforzi di ripristino sono in corso con team speciali che stanno cercando di riportare energia ad oltre 6 milioni di persone lungo la costa che hanno perso l’elettricità in seguito alla tempesta. Le stime dei danni partono da $20 miliardi fino a $100 miliardi con il sistema dei trasporti che sta andando incontro a seri ostacoli che impediscono una riapertura tempestiva. Nel contempo, la ripresa del settore abitativo continua con i prezzi delle case che guadagnano terreno negli Stati secondo quanto riportato dall’indice Case-Shiller. L’oro è scambiato inalterato a $1712/oncia troy, mentre il petrolio rimbalza leggermente, in guadagno dello 0.23% a $85.88/barile.

Articoli Correlati:

Leave a Reply

News Forex

Sottoscrivi Newsletter

Riceverai una mail con il link di conferma (Se non la ricevi controlla la casella spam)
Sendit Wordpress newsletter

SuperSlider-Menu

 VARIE (1)
 NEWS FINANZA (10)
 DIDATTICA (2)

Sottoscrivi Newsletters

nome
Indirizzo e-mail*