Scegli la tua lingua

Slideshow

Articoli per Categoria

 VARIE (3)
 POLITICA (72)
 POESIE (1)
 FONDI LT (8)

APPARIZIONE DELLA MADONNA DE LA SALETTE

IL DISCORSO DELLA LUNA

IL PAPA E LA MAFIA

Categorie

Condividi su Twitter

Archivi

IL DISASTRO DEL GOVERNO MONTI E IL SILENZIO STAMPA!!

I numeri ed i fatti del governo Monti, quello del professore, sono impietosi e lo bocciano. Gli spread sono tornati a galoppare a livello precedente alla crisi di governo, proprio quella crisi creata a tavolino per eliminare Berlusconi, ovverosia l’uomo che, dal nulla e con sorpresa, abbatté le mire espansionistiche dei dittatori comunisti bolscevichi alla fine della Prima Repubblica, in Italia ben rappresentati da nomi noti. Inoltre, i disoccupati crescono oltre il limite immaginabile, l’economia nel suo complesso, stenta al sud, ma arranca anche al nord, i suicidi sono ormai una quotidiana triste realtà ed il mese di giugno prevede il pagamento di tante di quelle tasse, bollette, ecc …, aumentate oltre la vergogna. Se questo quadro di desolazione fosse stato inserito nell’ambito del governo Berlusconi le solite Cassandre avrebbero imputato al Cavaliere ogni colpa. Indubbiamente Monti veleggia in un complesso mondiale turbolento e non tutto il male è sua  responsabilità, ma questo Governo fa del solo rigore la bandiera di bordo. Monti e soci non hanno capito che si può anche tirare le cuoia con i conti in ordine.

Al rigore, Monti, spalleggiato da Napolitano, non abbina misure di equità e di crescita, pensa solo a reprimere con mezzi discutibili l’evasione fiscale, dimenticando che si evade solitamente quando la pressione fiscale diventa intollerabile e, di fatti, lo è.

Il Governo attuale ha chiesto sacrifici ai soliti noti, ma omette di ricordare che l’Imu sulla prima casa, nella maggioranza dei casi, è un balzello ingiusto ed afflittivo. Insomma, il rigore dei conti di Monti, forse ci porterà ad un virtuosismo di bilancio, ma alla paralisi dell’economia reale.

Ne vale davvero la pena?

I professori sono pagati per dare risposte, ma anche cure adeguate. Sin qui, nisba. E la grande stampa tace.

Bruno Volpe su Pontifex del 04 Giugno 2012

Articoli Correlati:

Leave a Reply