18 Settembre 2012: Analisi dai mercati

18 settembre 2012: Pillole dai mercati
Negli ultimi mesi l’oro è stato l’argomento predominante tra i reporter e i consulenti finanziari, soprattutto ora che gli acquisti delle banche centrali dei mercati emergenti iniziano a ridurre le riserve dei paesi sviluppati. I principali movimenti nell’oro derivano dalle misure di stimolo e dai piani di alleggerimento annunciati di recente. Come menzionato in precedenza, l’oro è utilizzato storicamente come strumento per mettersi al riparo dall’inflazione e dalla svalutazione della carta moneta. Questa volta non è diversa dalle precedenti, con gli stimoli cinesi annunciati di recente, il “bazooka” della BCE e i piani di alleggerimento della Fed che stanno inondando i mercati con liquidità e finanziamenti a basso costo.
La guerra valutaria globale ha raggiunto la fase successiva, con le maggiori potenze globali impegnate in una battaglia per indebolire le valute e stimolare la crescita delle esportazioni, con il fine ultimo di sostenere le economie. Da sottolineare che il principale rialzo dell’oro derivante da un percorso di consolidamento di diversi mesi registrato nel mese di agosto, ha fino ad ora superato il 150% dell’intervallo originale di trading. Con l’aumento delle aspettative dei trader nei confronti di nuovi alleggerimenti, i prezzi si sono mossi al rialzo. Le banche centrali hanno appena aumentato le retoriche inflazionistiche e la posta, con le recenti mosse degli alleggerimenti che potrebbero portare a maggiori aumenti nei prezzi, mentre il petrolio supera la soglia dei $100.
Come risponderanno le economie con prezzi di produzione in aumento alimentati dalle misure di alleggerimento? Questa situazione alimenterà ulteriormente l’inflazione? Mervyn King prenderà parte al movimento inflazionista con l’annuncio di nuovi alleggerimenti da parte della Bank of England, ora che le altre pricipali attrici (Banca Popolare Cinese, BCE e FED) hanno mosso le loro pedine? Le aspettative degli analisti sell-side per l’oro sono solamente aumentate, portandosi quasi $2000 per oncia troy, con investitori della portata di George Soros e John Paulson che aumentano i propri possedimenti in oro, in previsione di ulteriori crescite.

Articoli Correlati:

Leave a Reply

News Forex

Sottoscrivi Newsletter

Riceverai una mail con il link di conferma (Se non la ricevi controlla la casella spam)
Sendit Wordpress newsletter

SuperSlider-Menu

 VARIE (1)
 NEWS FINANZA (10)
 DIDATTICA (2)

Sottoscrivi Newsletters

nome
Indirizzo e-mail*