03 Ottobre 2012: Pillole dai mercati

03 Ottobre 2012: Pillole dai mercati
Mercato europeo
Il Portogallo sta valutando di rientrare presto nel mercato del debito globale scambiando i bond esistenti in scadenza con bond con scadenza a 3 anni, in linea con il programma di acquisto asset recentemente annunciato dalla BCE. Questa sarebbe la prima volta da Aprile 2011 che il paese bussa alle porte dei mercati del debito per ripagare obbligazioni in scadenza il prossimo anno. Questo sottolinea come alcuni paesi in difficoltà come il Portogallo e l’Irlanda siano stati in grado di rientrare progressivamente nel mercato del debito dopo aver richiesto un salvataggio. I principali indici europei hanno chiuso per la maggior parte in territorio negativo, tuttavia, l’IBEX spagnolo ha sovraperformato, chiudendo a +1.07%, seguito dall’SMI svizzero che ha guadagnato il +0.04%. Il DAX tedesco ha ceduto leggermente terreno, in calo del -0.28% e il CAC 40 francese ha chiuso a -0.60%. La coppia EURUSD ha ceduto il –0.15%, scendendo a quota 1.2901, mentre la GBPUSD rimane per lo più invariata a quota 1.6128.
Mercato asiatico
Le speculazioni verso nuove misure di alleggerimento da parte della Cina rimangono alte, anche in seguito alla decisione inaspettata della RBA di ieri di tagliare i tassi di interesse dello 0.25%, a quota 3.25%, con un altro taglio previsto di conseguenza. Fino ad ora questa manovra ha portato il dollaro australiano a toccare i minimi di 4 settimane, con la coppia AUDUSD che ha ceduto il -0.45%, scambiata a quota 1.0221, mentre l’NZDUSD ha ceduto il -0.66%, a quota 0.8219. Le misure di stimolo previste non potrebbero arrivare in un momento migliore, visto che il PMI non manifatturiero cinese è cresciuto al ritmo più lento da marzo 2011. Il fatto che non ci siano notizie in arrivo per quanto riguarda la richiesta di un salvataggio da parte della Spagna sta mettendo i bastoni tra le ruote ai mercati e getta ombra su notizie più positive. Gli indici azionari al momento della scrittura sono scambiati contrastati, con l’Hang Seng che sovraperforma gli altri indici, al rialzo del +0.26%, seguito dall’ASX australiano che cresce di un più moderato +0.09%. Il Nikkei continua a sottoperformare, scambiato in ribasso del -0.10%.
Mercato statunitense
L’edizione di ottobre dei dati sull’occupazione statunitense inizia oggi con i dati ADP riguardanti l’occupazione extra agricola, che verranno pubblicati alle 13.30 GMT. Si prevede un aumento nel dato, sebbene si prevede che la crescita sarà inferiore rispetto a quella dello scorso mese, e si passerà quindi da 201K a 143K. Nel frattempo, i trader fanno retromarcia rispetto alle posizioni speculative delle materie prime, con le maggiori perdite registrate nel settore energetico e dei metalli preziosi, mentre le materie prime soft sono scambiate contrastate. Il petrolio continua ad essere scambiato al ribasso, in calo del -0.27%, con i dati del Department of Energy sulle scorte previsti prossimamente che dovrebbero riportare un aumento. L’indice del dollaro (DXY) sta andando incontro a nuovi aumenti contestualmente al calo delle materie prime, con l’indice in aumento dello 0.11% a 79.828, ormai prossimo al livello di 80.00. I principali indici azionari hanno chiuso contrastati, con il Nasdaq in aumento dello 0.21%, in seguito ai leggeri guadagni registrati da Apple. Lo S&P 500 ha guadagnato marginalmente uno 0.09%, mentre il Dow Jones ha ceduto il -0.24%.

Articoli Correlati:

Leave a Reply

News Forex

Sottoscrivi Newsletter

Riceverai una mail con il link di conferma (Se non la ricevi controlla la casella spam)
Sendit Wordpress newsletter

SuperSlider-Menu

 VARIE (1)
 NEWS FINANZA (10)
 DIDATTICA (2)

Sottoscrivi Newsletters

nome
Indirizzo e-mail*