23 Ottobre 2012: Pillole dai mercati

23 Ottobre 2012: Pillole dai mercati
Mercato europeo
Novembre e dicembre sono generalmente considerati dei buoni mesi per le borse ma i mercati sembrano andare incontro a qualche difficoltà. Finora i guadagni non hanno mostrato grandi sorprese. I mercati europei sono stati scambiati al ribasso dopo l’apertura di Wall Street, in quanto seppur le aziende non si siano discostate molto dalle aspettative sui guadagni, hanno riportato degli introiti ridotti in seguito alle difficili condizioni globali. Il CAC 40 ha ceduto lo 0.61%, l’Euro Stoxx 50 ha ceduto lo 0.44%, mentre il FTSE 100 è riuscito a limitare le perdite allo 0.22%: Uno dei mercati che ha sovraperformato è stato quello greco. Atene è riuscita infatti a guadagnare il 2.68% in seguito alle speranze circa l’assegnazione di una nuova tranche di aiuti ora che il paese sta presentando ai prestatori internazionali il programma di misure di austerity. L’EURUSD è stato scambiato leggermente al rialzo ed attualmente sta flirtando con il livello dell’1.3050.
Mercato asiatico
I mercati asiatici sono riusciti a registrare un inizio di giornata positivo con uno yen in calo in seguito alle speranze degli investitori che le aziende giapponesi possano veder migliorare le esportazioni, ma tale sentiment è cambiato dopo il dibattito presidenziale americano e le preoccupazioni sui dividenti delle aziende giapponesi di servizi pubblici. Entrambi i candidati presidenziali hanno dichiarato che la Cina dovrà giocare con le stesse regole degli altri e Romney ha aggiunto che definisce la Cina come un “manipolatore di valuta”, sostenendo che la stessa sta rubando il design americano, i brevetti e la proprietà intellettuale. L’indice Hang Seng di Hong Kong era chiuso ma il Shenzhen di Shanghai ha ceduto lo 0.88% e il Nikkei 225 ha perso lo 0.1%.
Mercato statunitense
I mercati non hanno mostrato una direzione chiara e univoca, con il DJ30 che ha prima ceduto terreno per poi chiudere in positivo dello 0.02%, mentre lo S&P 500 è riuscito a chiudere a +0.04%. I dati sui guadagni hanno determinato l’andamento dei mercati e se da un lato i numeri di diverse aziende del comparto tecnologico sono riuscite a spingere i mercati americani al rialzo nell’ultima parte della seduta di trading, diversi americani erano più interessanti nell’incontro finale tra Mitt Romney e Barrack Obama prima delle elezioni presidenziali americani. Il dibattito ha toccato la politica estera dove entrambi i candidati hanno criticato l’altro di mancare d’esperienza e avere una cattiva vision. Secondo dei sondaggi istantanei tenutisi immediatamente dopo il dibattito, Obama è riuscito a battere Romney con un 53% di preferenze, contro un 23% per Romney e un 24% che sono stati in favore di un pareggio.

Articoli Correlati:

Leave a Reply

News Forex

Sottoscrivi Newsletter

Riceverai una mail con il link di conferma (Se non la ricevi controlla la casella spam)
Sendit Wordpress newsletter

SuperSlider-Menu

 VARIE (1)
 NEWS FINANZA (10)
 DIDATTICA (2)

Sottoscrivi Newsletters

nome
Indirizzo e-mail*